La sezione in pillole

La Sezione AIA di Crema "Cristian Bertolotti" fu fondata nel 1973, grazie al prezioso interessamento di un piccolo gruppo di associati; tra gli altri: Ardigò Giuseppe, Crotti Dario, Ghezzi Giovanni, Firmi Giuseppe (primo presidente cui è intitolato il prestigioso “Premio Giuseppe Firmi”), Severgnini Pietro e Valcarenghi Pietro.

Dal giorno della sua fondazione il suo compito è quello di garantire il regolare svolgimento dei campionati di calcio provinciali e regionali e quello di reclutare, formare e mantenere aggiornati gli arbitri di calcio. La sezione affianca e supporta, con personale volontario altamente qualificato, tutti i suoi associati, anche con attività ludico-ricreative. L’attività di coordinamento della sezione è affidata al Presidente di Sezione e al Consiglio Direttivo Sezionale, cui fanno parte i responsabili delle diverse aree d’intervento.

ORGANIGRAMMA

ORGANICO

SCHEDE ARBITRI


I PRESIDENTI

PREMIO FIRMI

STORIA


La sezione ha sede presso il Centro Sportivo “Aldo Bertolotti” in via dei Carmelitani 8/b a Crema (Santa Maria della Croce). A disposizione degli associati vi è un’ampia sala riunioni, con comode poltrone e un videoproiettore, e una segreteria, dotata di cinque postazioni di lavoro con pc e connessione internet.

Fanno parte della sezione AIA di Crema "Cristian Bertolotti" uomini e donne di tutte le età che, nei diversi ruoli, contribuiscono all'espletamento delle funzioni della sezione stessa. Tutti possono entrare a far parte del "gruppo" partecipando al corso arbitri che, indicativamente, viene indetto due volte all'anno (ottobre e marzo). Maggiori informazioni nella pagina "Corso Arbitri".

Sito Figc

Sezione A.I.A. Crema

"Cristian Bertolotti"

via Carmelitani 8/b

26013 Crema (CR)

Italia

 

tel. 037382388

fax. 037382388

 

Mail istituzionale

crema@aia-figc.it

 

Mail presidente

pres.crema@aia-figc.it

 

Mail segreteria 

segreteria@aiacrema.com

 

Mail Corso Arbitri

corso.arbitri@aiacrema.com

Link sinfonia4you
Link rapporti regionali

SPONSOR ETICO DEGLI ARBITRI CREMASCHI